367^: aspettando…

le giornate si sono spudoratamente allungate, il clima si è ampiamente irrigidito, la mia pazienza si sta drasticamente esaurendo…tutti i giorni le vedo sotto ai teli, ne indovino le forme dalle silhouette, mi prudono le gengive con la conseguenza che digrigno i denti per fermare il fastidio, mentre per lo stomaco e, soprattutto per il cuore, non c’è niente che possa … Continua a leggere

366^: il fiocco che infiocca

il fatto è che, durante tutta la settimana, io vivo in prospettiva del fine settimana, anche se non ho grossi programmi, ma mi basta il fatto che il cellulare-sveglia non suoni, che mi posso grattare finchè mi va, che posso fare quello che voglio e non quello che DEVO…sabato il mio cervello si sveglia alle 20.40, quando chiedo ad omone … Continua a leggere

365^:rapporti tesi

se non la amassi, la odierei…la cucina e tutti i suoi misteri, che a volte mi  sembrano chiaramente risolti, e la volta dopo sono più impantanata che mai…comunque, oggi tanto per cominciare ricevo la visita inaspettata del caldarista, che avrebbe dovuto essere annunciato da tempestiva cartolina, invece cippa; fortuna vuole che fossi pronta ad uscire e quindi in stato decente, … Continua a leggere

364^: vade retro gratis!

come accennavo, oggi maia ed omone sono partiti per verona, per incontrare l’artigiano che, usandola come modella, le creerà delle pedane figosissime su misura e che, per l’impegno e il disturbo nostro, le omaggia…ieri sera omone giunge a casa col furgone della ditta, carica maia, io parcheggio di taglio dietro alle porte per evitare qualsiasi tentativo di intrusione, e stamattina … Continua a leggere

363^: Avatar

sì, sono anche io nel folto gruppo che ha visto Avatar, e consiglio a chi non l’ha visto di rimediare…giovedì sera, i biglietti li ho prenotati martedì on line, posti ottimi, ci organizziamo per incontrarci (io e omone) là, che io arrivo direttamente dal lavoro già lavata e stirata e lui da casa, cena al messicano et cinema…c’è una fila … Continua a leggere

362^: conflittando

è mattina presto, e il mio orologio biologico mi sveglia come se dovessi andare al lavoro, maledizione a lui…mi rigiro nel letto, attenta a non attentare all’appena ritrovata quasi-salute del mio trapezio, ma mi rompo in sveltezza quando comincio ad attorcigliarmi nel piumone, così me ne vo’ in cucina, che nel mentre la fame mi ha assalito…toast, quello fatto da … Continua a leggere

361^: muffa-tocca-a-te!

è il sabato di verona bike expo, ed ovviamente io non ci vado, mi romperei ai massimi livelli in tempi minimi…ci va omone, che, cercando le pedane per maia, trova un tizio di verona che gliele costruirebbe su misura, se solo avesse una motomodella sulla quale lavorare…come? senti dalla tua morosa se me la puoi portare?? bene, per il grande … Continua a leggere

360^: attraverso la nebbia

martedì 12 mi sono fatta variamente esaminare il mio simpatico e anticollaborativo occhio sinistro, per vedere se debitamente scartavetrato col laser, ci potevo vedere qualcosa di meglio…entrata alle 15.00, solo alle 15.20 riesco ad ottenere una chiara indicazione di dove sedermi, che nessuno sapeva dove si facevano le cose che dovevo fare…e ne esco alle 19.40, accompagnata da omone in … Continua a leggere

359^: ri-ricominciare

oggi è il mio primo-ufficiale-solito lunedì dopo tanto tempo, ovvero: o lavoravo, o c’era omone in ferie, o ero in ferie io…oggi no, tutto come al solito, e quindi; colazione col mio primo pane da toast artigianale, che, porcamiseria, è troppo buono, ma troppo, lo mangerei come le patatine, per dire…disfacimento et rifarimento letto, avvio lavatrice con la suddetta biancheria,caffè … Continua a leggere