360^: attraverso la nebbia

martedì 12 mi sono fatta variamente esaminare il mio simpatico e anticollaborativo occhio sinistro, per vedere se debitamente scartavetrato col laser, ci potevo vedere qualcosa di meglio…entrata alle 15.00, solo alle 15.20 riesco ad ottenere una chiara indicazione di dove sedermi, che nessuno sapeva dove si facevano le cose che dovevo fare…e ne esco alle 19.40, accompagnata da omone in quanto mi dovevano dilatare le pupille come fossi un vampiro, e da qui l’eventualità che non potessi essere in grado di vedere dove guidavo…tutte quelle ore sono state uno spreco, nel senso che il tempo utile per gli esami si poteva ridurre ad una-unica-fruttuosa-ora, e invece no; l’esito mi ha abbacchiata per un paio d’ore, in quanto, rullo di tamburi, il mio emisfero destro è solo vagamente cosciente dell’esistenza di un occhio sinistro col quale intrattenere amichevoli rapporti, quindi non si rapportano…in termini scientifici si chiama ambliopia, che andava curata entro i miei 8 anni, col sistema della “benda capitan harlock”, che io in effetti portai a lungo piazzata sul già imbarazzante occhiale in simil tartaruga (no, all’epoca non c’era scelta, ne tentativi di abbellire un attrezzo necessario), che mi valsero la presa per il culo da parte dei miei umanissimi compagni di scuola (di mio ci misi la frangia e i codini…sì, lì me la sono tirata addosso, effettivamente…), ma a quanto pare il tutto fu sospeso prematuramente, quindi…ora, che sono adulta, ne risulto bellamente fottuta, in quanto l’operazione dal punto di vista tecnico risulterebbe impeccabile, MA io non mi renderei conto di nulla, a parte l’ammanco di 1150€ dal conto (no, l’USL non passa una mazza, perchè li archivia come operazioni E-STE-TI-CHE, ovvero per togliersi l’occhiale…peccato che a me l’occhiale non faccia assolutamente nulla), e quindi non se ne parla di operarmi..conseguenze future probabili? che l’occhio sinistro, nella sua anarchia, se ne vada a spasso per traiettorie da lui ideate, in pratica potrei apparire come un simpatico camaleonte, visto che la sua temperatura corporea già mi appartiene! vabbè, ho incassato il colpo, anche se mi spiace un bel po’, e mi rosica alquanto che non mi abbiano debitamente curata a suo tempo, pregiudicandomi ora…

oggi omone è a verona, bide expo, del quale mi interessa ZERO, ma già mi ha detto che un tizio, che fa pedane artigianali, gli ha chiesto di studiare maia, ovvero la 696, per fare un bel lavorino, e per il disturbo di portare lei là, le pedane sono OMAGGIO! vedremo…bene, vado in doccia, inizia il week.

360^: attraverso la nebbiaultima modifica: 2010-01-16T17:13:00+00:00da marijena
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento